Giornale "Tazzinetta Benefica Onlus"

Giornale 1°-2° Trimestre 2018

125 ANNI E NON LI DIMOSTRA

 

Il 14 Giugno Tazzinetta Benefica compie 125 anni

 

 

ANCHE LO SCORSO ANNO TAZZINETTA BENEFICA ONLUS È RIUSCITA A MANTENERE IL SUO IMPEGNO ISTITUZIONALE A FAVORE DEI FRATELLI PIÙ FRAGILI, BISOGNOSI DI AMORE, DI CONFORTO E, SOPRATTUTTO, DI ASSISTENZA MATERIALE, QUELLA CHE NOI VOLONTARI NON FACCIAMO MANCARE OFFRENDO OGNI 20/30 GIORNI, PACCHI CONSISTENTI DI VIVERI, VESTIARIO E FARMACI DA BANCO E, QUANDO POSSIAMO,ANCHE PICCOLI AIUTI PER IL PAGAMENTO DI PICCOLE UTENZE.
E’ STATO UN ANNO DIFFICILISSIMO MA GRAZIE A DIO E ALLA PROVA DI AFFETTO DI PERSONE SENSIBILI CE L’ABBIAMO FATTA, E A LORO VA LA RICONOSCENZA DI TUTTA L’ASSOCIAZIONE E DEI NOSTRI AMICI PIÙ FRAGILI.


Il 2017 E’ STATO UN ALTRO ANNO DIFFICILE DA SUPERARE NON SOLO:
→ PER LA INESORABILE MACCHINA BUROCRATICA CHE, TRA L’ALTRO OGGI, CONTRARIAMENTE A QUANTO PREVISTO DALLE NUOVE TECNOLOGIE ON-LINE, E’ DIVENTATA ANCORA PIU’ COMPLICATA PERCHE’ MAL GESTITA;
→ PER MOTIVI ECONOMICI CHE ORMAI SONO DIVENTATI IL NOSTRO INCUBO;
→ PER L’IMPOSSIBILITA’ DI ORGANIZZARE EVENTI CHE CI PERMETTANO DI FARE PROSELITISMO E RACCOLTA FONDI;
→ PER LA NEGAZIONE ASSOLUTA DI SUSSIDI DA PARTE DEGLI ENTI PUBBLICI “COMUNE, MUNICIPI, REGIONE ECC. (NON ABBIAMO TESSERE DI PARTITO) CHE PERO’, TRAMITE I LORO ASSISTENTI SOCIALI, CONTINUANO AD INVIARCI DISPERATI DA DARE ASSISTENZA.

Giornale 4° Trimestre 2017

Milano città del mondo...

 

BELLEZZA E TRISTEZZA.

 

 

 

Siamo dei cittadini fortunati, la nostra Milano è diventata tanto attrattiva da non temere più paragoni con le più (una volta) blasonate Londra, Parigi o Madrid. I turisti affollano non solo i luoghi d’arte da sempre conosciuti, ma soprattutto si stupiscono davanti al fenomeno di Piazza Aulenti, ai grattacieli di Porta Nuova e all’originalità di City Life. E’ una città in progresso, che non si ferma e “ha in testa” idee sempre nuove: un ponte di cristallo a Brera, la riapertura dei Navigli, un Palazzo del Cinema pieno di luce e di vita e poi ristoranti di ogni cucina del mondo, bar sempre più sfavillanti e pieni di gente, teatri, mostre bellissime, concerti e conferenze con grandi nomi. Insomma ogni giorno e ogni sera Milano ti accoglie e ti accompagna sulla strada dell’arte, della musica, della curiosità e del divertimento. Che meraviglia, finalmente ci siamo, la nostra città non è più “provinciale” ma un grande centro internazionale che si spera attragga sempre più realtà industriali e finanziarie come si auspica da parecchio tempo. E questa è la Milano che se una volta era solo da bere oggi è da vivere totalmente e con grande interesse. Quante volte guardandoci in giro ci siamo detti “Sembra di essere a New York”!

 

Giornale 2° - 3° trimestre 2017

SINTESI DELL'ATTIVITA SVOLTA DALLA STORICA

 

BENEMERITA ASSOCIAZIONE TAZZINETTA BENEFICA 

 

ONLUS NEL SEMESTRE APRILE - SETTEMBRE 2107

 

 

Sei mesi sono trascorsi dall’uscita del 1° numero del nostro periodico dell’anno in corso. Sei mesi di intensa attività senza sosta che, come sempre ci ha visti impegnati anche nei caldissimi mesi estivi, infatti, anche quest’anno, Tazzinetta Benefica ha tenuto le porte aperte ai bisognosi di aiuto e solidarietà pure nei mesi di luglio ed agosto.
Sei mesi ininterrottamente dedicati ai più deboli, a chi, purtroppo, non riesce a consumare neppure tutto il contenuto dei nostri sostanziosi pacchi di generi alimentari perché gli è stato chiuso il gas per morosità e che non riusciamo più ad aiutare neppure con modesto contributo, come in passato, per mancanza di fondi.

 

 

 

 

Giornale 1° Trimestre 2017

I CAPPONI DI.......RENZI

 

Ci siamo. La scissione del Pd sembra cosa fatta, almeno secondo il dimissionario Matteo Renzi che dichiara: “Non c’è nessuna trattativa da fare con chi ha deciso di andarsene” e questa mossa azzardata rischia di compromettere fragili equilibri non solo interni al partito, ma anche per quanto riguarda l’altrettanto fragile credibilità internazionale dell’Italia. Massimo Franco sul Corriere scrive che perderanno tutti, sia i cosiddetti “renziani” sia la minoranza decisa ad uscire, ma bisogna riconoscere la divisione di responsabilità fra tutti i componenti di entrambe le correnti.

Matteo Renzi dopo il voto del 4 dicembre e l’uscita da Palazzo Chigi non ha capito che doveva cambiare atteggiamento e visione d’insieme, non era più il leader e soprattutto non aveva più voce in capitolo nel nuovo governo, il risultato del referendum ha seppellito la lunga stagione del maggioritario e tutti anche nel Pd si muovono già pensando ad un sistema proporzionale. L’errore principe è stato proprio quello di riferirsi ancora alle idee passate parlando di primarie a breve e di voto anticipato, dando così voce a tutti coloro che da tempo aspettavano solo un pretesto per rompere.

Photo album