La struttura organizativa

L’ASSEMBLEA DEI SOCI

Si riunisce almeno una volta l’anno per l’approvazione del Bilancio e, ogni tre anni, è chiamata ad eleggere il Consiglio Direttivo, il Collegio dei Revisori, il Collegio dei Probiviri.
L’Assemblea ha il compito di approvare la relazione del Consiglio Direttivo, le linee programmatiche dell’Associazione e le modifiche dello Statuto, il Bilancio Consuntivo dell’anno precedente e quello preventivo dell’anno in corso. Ogni socio ha diritto ad un solo voto.


IL CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è nominato dall’Assemblea dei Soci ed è composto da 7 oppure 11 membri eletti dall’Assemblea dei Soci fra gli iscritti all’Associazione e rieleggibili.
Il Consiglio direttivo è l'organismo dell'Associazione e ad esso spetta mettere in esecuzione le delibere dell'Assemblea e ha compiti di:
deliberare le proposte riguardanti lo Statuto e le sue eventuali modifiche;
stabilire gli indirizzi generali e gli obiettivi triennali, verificandone l’attuazione mediante rendiconti semestrali;
approvare il bilancio di previsione annuale ed il bilancio consuntivo da presentare, successivamente, all’assemblea annuale dei soci;
deliberare l’eventuale assunzione e risoluzione del rapporto di lavoro del personale impiegatizio;
affidare incarichi esterni determinandone i rispettivi compensi, secondo i vigenti tariffari professionali;
approvare i regolamenti per la disciplina dell’ordinamento e del funzionamento dell’Associazione;
deliberare le convenzioni con Associazioni, Enti Locali, Istituzioni ed altri Enti Assistenziali;
deliberare la costituzione di Comitati Tecnici o Commissioni di Lavoro e/o di Studio.

 

Attualmente il Consiglio Direttivo è così composto:

 Presidente      Matteo Fernando Gildone
 Vicepresidente e Responsabile delle Commissioni "Studio e  Lavori"      Paolo Foglia
 Segretario      Vittorio Teruzzi
 Tesoriere        Domenico Bosoni
 Consigliere      Maria Dicorato
 Conssigliere     Rosanna Di Blasio
 Consigliere      Goran Soce

 

 


Il Presidente è nominato dal Consiglio Direttivo ed ha la rappresentanza legale dell’Associazione.
Dura in carica tre anni e può essere rieletto.
Competenze del Presidente:

al Presidente del Consiglio Direttivo compete la Direzione esecutiva dell'Ufficio di Segreteria dell'Associazione, che può essere anche affidata fiduciariamente al Vice-Presidente, al Tesoriere ed in casi eccezionali al Segretario del Consiglio Direttivo;

Consiglio Direttivo e successivamente all'Assemblea annuale dei Soci;
delibera l'eventuale assunzione e la eventuale risoluzione del rapporto di lavoro del personale impiegatizio;
affida incarichi esterni e determina i relativi compensi;
convoca e presiede il Consiglio Direttivo e determina gli argomenti da inserire all'ordine del giorno del Consiglio stesso;
intrattiene le relazioni, sottoscrive gli atti e la corrispondenza relativamente alle materie non ascrivibili ad attività di gestione, partecipa agli accordi di programma ed alle conferenze;
segue e sovrintende all'andamento dell'amministrazione con riferimento agli obbiettivi definiti dal Consiglio;
adotta, in caso di necessità ed urgenza sotto la sua responsabilità, provvedimenti immediatamente esecutivi di competenza del Consiglio, da sottoporre a ratifica dello stesso nella prima seduta successiva;
adotta tutti i provvedimenti di sua competenza secondo le norme di legge e di regolamento;
prende visione e verifica la regolarità del rendiconto periodico presentato dal Tesoriere e dal Segretario;
esercita tutte le altre attribuzioni assegnategli dallo Statuto e dai regolamenti di attuazione; in particolare promuove atti rivolti a dare impulso alla struttura per la promozione di istruttorie, ricerche ed st approfondimenti su argomenti da sottoporre eventualmente alla deliberazione del Consiglio Direttivo;

rappresenta l'Associazione in giudizio, fatta salva la facoltà di delega al Vice Presidente, al Segretario o al Tesoriere;
per circostanze temporanee ed eccezionali, può affidare speciali incarichi ai singoli Consiglieri nel rispetto delle competenze previste dalla Legge;

dispone direttamente in materia di incarichi ed attribuzioni interne per il buon funzionamento di tutta la struttura organizzativa.

Segue l’elenco dei Presidenti di Tazzinetta Benefica dal 1893 ad oggi.

 1893 - 1899      Emanuele Maroni
 1900 - 1906     Alessandro Maffioli
 1907 - 1915     Carlo Borghi
 1916 - 1924     Emilio Tanzi
 1924 - 1925     Amilcare Ponchielli
 1925 - 1928     Ambrogio Bellini
 1929 - 1930     Amleto De Marchi
 1931 - 1934     Tito Acquistapace
 1935 - 1956     Achille Feraboli
 1956 - 1960     Felice Sicurtà
 1961 - 1965     Alberto De Giorgi
 1965 - 1965     Luigi Sacchi
 1965 - 1967     Sandro Bonetti
 1967 - 1973     Angelo Dolfini
 1974 - 1985     Francesco Pellicani
 1985 - 1986     Ferruccio Allasia
 1986 - 1987     Giorgi Toarolo

 1988 - 1994     Luigi Pellicani
 1995 - 1996     Graziella Viganò
 1996 - 1996     Domenico Bosoni
 1997 - oggi      Matteo Fernando Gildone

 

IL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

È composto da tre membri effettivi e da due supplenti.
Il compito principale del Collegio è quello di verificare, almeno trimestralmente, la regolare tenuta delle scritture contabili e lo stato di cassa dell’Associazione.
Inoltre:
i Revisori devono controllare l'amministrazione dell'Associazione vigilando sul rispetto e sull'osservanza della Legge e dello Statuto Sociale e sul regolamento, accertando la regolare tenuta della contabilità sociale ed in genere di tutto quanto previsto dall'art. 2403 C.C.;
i Revisori dovranno altresì predisporre la propria relazione che dovrà essere accompagnata al Bilancio di fine esercizio e che dovrà essere letta nell'Assemblea ordinaria che approva il bilancio stesso;
nella relazione di accompagnamento, i Revisori dovranno esprimere il proprio parere circa l'approvazione o meno del Bilancio stesso.
Attualmente il collegio è così composto:


 Presidente     Dr. Giorgio Cavalca
 Membro effettivo     D.ssa Rossella Spagnoli
 Membro effettivo      Rag. Stefania De Lillo

IL COLLEGIO DEI PROBIVIRI

Il Collegio dei Probiviri, composto da tre membri effettivi, solitamente scelti fra i soci onorari o, comunque, con qualche anno di anzianità, ha principalmente il compito di deliberare su controversie tra soci e Consiglio Direttivo.
Attualmente è così composto:


 Presidente     Rag. Aldo Stenico
 Componente     Dr. Enrico Antinozzi
 Componente     Giuseppe Zemiti

LA MADRINA

La madrina rappresenta l’Associazione, ne è il simbolo e contribuisce alla sua notorietà. La scelta è preceduta da una indagine volta ad individuare una persona meritevole nella popolarità milanese. La persona così indicata viene, quindi, contattata dal Presidente che ne accerta la disponibilità.
La madrina ha una carica vitalizia e, per tutto il periodo di carica, si impegna ad organizzare, o, comunque, a presenziare, agli eventi organizzati dall’Associazione.


Ecco le madrine che negli anni si sono succedute in Tazzinetta Benefica:
 1927 - 1970     Sig.ra Zita Fossa
 1970 - 1976     Sig.ra Carmela Viganotti Zacconi
 2000 – 2002     Sig.ra Liliana Feldmann (Attrice di teatro)
 2002 - oggi      Arch. Prof.ssa Elisabetta Bianchi
 

               

 

madrina4

 

Da in alto a sinistra in senso orario : 1 - Zita Fossa, insieme al Presidente Angelo Dolfini -  2- Carmela Viganotti Zacconi  -  3- Liliana Feldmann 
Nella foto il Vicepresidente Paolo Foglia, il Presidente Matteo F. Gildone, la Madrina Liliana Feldmann e il Viceprefetto di Milano Dott. Aversa -

4- Elisabetta Bianchi

 

 

 

about the author

Alberto Pogliani

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Video